Juve, non basta super CR7. Champions stregata, Lione ai quarti. E ora cosa succede a Sarri?

L'esultanza di Depay. Ansa

Depay gela i bianconeri su rigore, poi sale in cattedra Ronaldo, che prima pareggia dal dischetto e poi segna un gol spettacolare da 25 metri. Ma non basta: il 2-1 qualifica i francesi

La Juve esce da questa strana Coppa d’agosto e i prossimi giorni diranno se anche Maurizio Sarri uscirà dalla casa della Signora. Di certo, l’eliminazione agli ottavi contro questo Lione, squadra diligente e poco più ma con una condizione decisamente migliore, è uno di quegli eventi destinati a lasciare macerie: il disastro è figlio della caduta inattesa dell’andata, ma anche di questo 2-1, inutile e raccolto grazie solo alla forza di Cristiano.

Serviva una Juve impetuosa, coraggiosa, e invece si è rivista per larghi tratti la creatura priva di forze e di idee vista nelle ultime giornate di questo campionato. I bianconeri possono mangiarsi le mani anche perché vanno fuori nonostante l’arma atomica che hanno in casa. Ronaldo, l’unico a provarci davvero, il totem a cui tutti si appendono, non andrà nella sua Lisbona per la final 8: lui, che dal 2011 era sempre andato ai quarti, si aspettava altro dalla rivoluzione annunciata a inizio stagione. Come tutti, non potrà accontentarsi di un campionato vinto sì, ma senza mai entusiasmare.

Deja un comentario

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *