Mario Balotelli, l’Ulisse del pallone alla ricerca di se stesso

Con i suoi tormentoni, le sue bizze e i suoi capricci, è ormai un personaggio letterario che, da solo e senza l’intervento di un autore, alimenta il testo e lo arricchisce fino a trasformarlo in un’autentica soap-opera

Neanche Ulisse, che ha impiegato vent’anni per tornare a Itaca, ne ha combinate tante. Mario Balotelli, con i suoi tormentoni di stagione, le sue bizze (ora estive, ora invernali) e i suoi capricci, è ormai un personaggio letterario che, da solo e senza l’intervento di un autore, alimenta il testo e lo arricchisce fino a trasformarlo in un’autentica soap-opera.

Deja un comentario

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *